Navigazione

Accesso utente

CAPTCHA
Domanda per controllare che tu non sia un robot
7 + 11 =
Risolvi questa semplice operazione per dimostrare che sei umano. Es: 1+3, il risultato è 4.

Torre Campanaria

Valperga
Barocco

Cenni storico-artistici
A seguito della concessione alla popolazione dell’uso della centrale chiesa della SS. Trinità come chiesa Parrocchiale in alternativa alla antica, ma scomoda, chiesa di San Giorgio si optò anche per la demolizione dell'antica torre campanaria, ormai non piu' funzionale, e per la costruzione di un nuovo campanile. L'iter, lungo e complesso (1777-1792), rispose ad un progetto ambizioso, opera dell'architetto Ludovico Bo, canavesano di San Maurizio, attivo presso il cantiere della Palazzina di Caccia di Stupinigi e con particolari legami con Valperga in quanto convolò in seconde nozze con Vittoria Caterina Boggio.
Nel primo progetto il campanile doveva essere alto circa 71 metri (altezza maggiore di quella finale). L'opinione popolare ha inventato una storia un po' “fantasiosa”: si giustificò questa limitazione motivandola col fatto che dal piano campane, o comunque dalla sommità del campanile, si potesse osservare con l'ausilio di un cannocchiale, già in uso a quei tempi, quello che avveniva tra le mura del castello e, come tutte le leggende che si rispettino, può darsi abbia un fondo di verità. 
Il progetto del Bò è singolare, prevede la costruzione non di uno soltanto, ma di due campanili, uno dentro l'altro; e parimenti, fra l’uno e l'altro far salire non una ma due scale, che, partendo alla base da due angoli opposti, si sviluppano una sull'altra in modo tale che chi ne infila una non si accorge che ne esiste un'altra: 217 gradini in pietra per ogni scala, acquistati presso una cava di Salto.  Nel 1781, giunti al piano delle campane, i lavori vengono sospesi, in vista delle spese straordinarie che la comunità è costretta a sostenere, si presume per la formazione di nuove strade; i lavori riprendono 9 anni dopo, ossia nel luglio del 1790 e terminano nel 1792 con il collaudo redatto e firmato dal Bò nel luglio dello stesso anno.
Il campanile, interamente in laterizio a vista, presenta una struttura originale, divisa, attraverso una serie di cornicioni, in otto campate che contengono un disegno interno sempre piu' elaborato mano a mano che aumenta l'altezza. I capitelli delle lesene sono decorati con vari ordini architettonici: tuscanico, dorico, ionico, corinzio e composito. Il campanile, a partire dalla base fino alla sommità della croce, raggiunge i 63.50 metri e con la sua altezza si impose facilmente nel panorama della scena urbana e divenne orgoglioso simbolo del paese.
Il 1° maggio 1980 viene inaugurata l’elettrificazione sia dell’orologio e sia delle campane ed il 27 marzo 1982 l’impianto di illuminazione dello stesso.
A metà anni 90, poco dopo il duecentenario del 1992, il campanile viene sottoposto ad un’imponente opera di restauro delle murature e delle scale.

Il monumento in dettaglio 
Campanile di Valperga
Indirizzo 
Piazza della chiesa 1. 10087 Valperga
Gestione 
Pro Loco Valperga